“Morto un papa se ne fa un altro” e “scampata una fine se ne prevede un’altra”…

Fatto sta che il 15 Febbraio del 2013 l’asteroide 2012DA14 ci sfiorerà passando ad una distanza di 20.000 km circa: sotto il livello orbitale dei satelliti geostazionari per intenderci.

Se quanto avevate portato nel bunker è a lunga conservazione tanto vale lasciarlo lì: se non altro risparmierete la fatica di riportarlo in casa per poi dover ricaricare le riserve del rifugio.

Scherzi a parte, l’oggetto spaziale ha un diametro di circa 57 metri ed una massa pari a 120.000 tonnellate; non ci sono pericoli di impatto sulla Terra fortunatamente, ma gli studiosi coglieranno l’occasione per raccogliere dati atti a prevedere i futuri passaggi.

Maggiori approfondimenti su 2012DA14 qui.