Quarantotto Assiomi Cinici

Quarantotto assiomi cinici - Lamberto Salucco | Rebus Multimedia

 

Questo è il mio ultimo (2020) libro, ovviamente pubblicato con gli amici di Edida. Incredibilmente non è un manuale tecnico ma è uno zibaldone disordinato di pensieri su molteplici argomenti. Sono frasi nate per stare su Facebook, sinceramente non pensavo che ci avrei fatto un libro. Tengo a precisare che, fatta eccezione per alcuni di questi argomenti, sono temi sui quali non ho una formazione specifica. Si tratta quindi sono proprio di opinioni in libertà, un po’come accadde con Pareri e Pensieri.

Qui c’è il link per acquistarlo su Amazon.

Comunque, ecco l’introduzione che ho scritto per “Quarantotto assiomi Cinici”:

Scrivere questo libercolo non è stato affatto facile. L’idea di pubblicare su Facebook una serie di micropensieri in tempo reale, mentre mi venivano in mente per me era divertente, piacevole e terapeutica ma spiegarli raccontandoli è tutt’altra cosa.

Come sempre capita in questi casi, sui social ho ricevuto diverse critiche e segnalazioni ma mi sono imposto di non rispondere mai (cosa per me strana e anche parecchio difficile) per il semplice fatto che sono frasi che non nascono per far sviluppare un dibattito ma hanno il ridicolo ardire di volersi presentare come verità assolute che non hanno bisogno di alcuna spiegazione. Si tratta ovviamente di una cosa non vera ma che secondo me poteva essere presentata solo in questo modo.

Ho deciso poi di raccoglierle in questo volumetto e per festeggiare i miei quarantotto anni di vita ho inserito i (primi?) quarantotto assiomi che hanno allietato la mia bacheca con un commento minimale ma che ritengo necessario: qui posso spiegare un po’ meglio, se me lo ricordo, cosa mi passava per il capo quando li ho scritti.

Avrei potuto correggerli e riscriverli meglio per la pubblicazione del libro dato che, usando la forma del post Facebook con lo sfondo colorato, avevo a disposizione un numero di caratteri molto limitato (circa centotrenta) e che spesso questo ha portato a frasi poco fluide. Ho invece deciso di lasciarli completamente invariati per una forma di onestà rispetto al momento in cui li ho partoriti; alcuni assiomi, poi, avevano decisamente senso nel momento in cui sono stati pubblicati ma lo hanno rapidamente perso; non li ho esclusi da questa raccolta proprio per lo stesso motivo.

Un paio di doverose precisazioni:
– Ho riportato sempre il nome della persona che mi ha suggerito l’assioma quando non l’ho scritto io ma può darsi benissimo (dato il rimbischerimento galoppante che mi contraddistingue e l’età non più verdissima) che io mi sia attribuito la creazione di uno o più assiomi senza rendermene conto. Un po’ come quando, dopo una nottata a scrivere una canzone mi fecero allegramente notare che avevo composto nuovamente “Hotel California”. O forse questa cosa era successa al mio caro amico Luciano? Boh, come vedete non lo faccio assolutamente apposta: sono rimbischerito davvero. Se dovesse venirvi in mente qualcuno che andrebbe citato, fatemelo sapere subito. Grazie.
– Le date scritte accanto al numero dell’assioma si riferiscono a quando è stato pubblicato su Facebook per la prima volta, quindi è possibile che non corrispondano con la data di “invenzione”.

Spero che vi divertiate leggendo questo coso ma permettetemi un consiglio: se trovate qualcosa che vi offende, passate semplicemente oltre senza arrabbiarvi. Non ne vale la pena.