Frammenti di musica italiana: Il re dei pagliacci

Neil Sedaka: “Il re dei pagliacci”. Per molti sarò più grande, per altri vecchio, ma il pubblicare questa canzone mi riporta indietro di “qualche” anno; ero effettivamente molto piccolo ed è stata una delle tante che ha costruito il mio background musicale.

Mentre mia madre magari metteva su un disco anni ’60 io già sviluppavo il mio gusto personale. Questo gusto,nel corso degli anni, è risultato un agglomerato informe di generi e stili.

Dal metal (di classe però) al jazz, dall’elettronica alla lirica, dal rock alla techno; dopo che mia madre aveva ascoltato le sue canzoni, io zitto zitto mettevo la cassettina de “La febbre del sabato sera”, forse uno degli album più belli del periodo. Oppure “Animals” dei Pink Floyd.

In questo mare di buona musica però qualche traccia è stata lasciata anche dagli italiani e quel che vi propongo oggi è un pezzo che molti non conosceranno, mentre altri si lasceranno trasportare dai ricordi indietro di qualche decina di anni. Era il 1963 quando Neil Sedaka uscì con questo bel pezzo di storia musicale italiana: “Il re dei pagliacci”.

 

Altri articoli

INPS: Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate…

Con questo articolo vorrei raccontarvi le peripezie ed il tempo perso per raggiungere un...

Riviste di informatica: eterni ritardatari

È molto che non scrivo qui sul blog e me ne scuso con i...

Spot BMW – “Suddenly everything looks older”

Spot BMW - "Suddenly everything looks older": un capolavoro di rara bellezza, un esempio...

Gli smartphone avranno i super poteri: parola di ARM

Qualche anno fa il cellulare più avanzato era in grado di gestire una rubrica...

I nuovi rivali di Android

Che Android sia stata la piattaforma che ha conosciuto la maggior diffusione nell'ultimo periodo...

Onavo: il piano dati sotto controllo

Il software che quest'oggi vogliamo segnalare è quanto di più semplice e funzionale si...
spot_img

Lamberto Salucco

(Firenze, 1972) – Sono un consulente informatico (ma laureato in Lettere Moderne), mi occupo di marketing (ma solo digitale), social media (ma non tutti), editoria (ma non cartacea), musica (ma detesto il reggae), formazione (ma non scolastica), fake news (ma non sono un giornalista), programmazione (ma solo Python), siti web (ma solo con CMS), sviluppo app (ma solo iOS e Android), bias cognitivi (ma non sono uno psicologo), intelligence informatica (ma solo OSINT), grafica 3D (ma niente CAD), grafica 2D (ma niente Illustrator), Office Automation (ma non mi piace Access).
 

Forse ti potrebbe interessare anche: