L’oscuro utilizzo dell’aggettivo “solare”

Non riesco a esprimere con le parole l’antipatia che provo nei confronti dell’aggettivo “solare”.

Qualunque persona si auto-definisca “solare” per me perde un centinaio di punti.

Appena senti l’odioso termine vieni catapultato come per magia in una spaventosa dimensione parallela: quella, per intenderci, delle risposte delle aspiranti Miss Italia alla domanda “Descriviti in poche parole” (secondo me altrettanto cretina).

In tale spaventoso contesto le pseudo-miss generalmente utilizzano insieme a “solare” anche “estroversa”, “timida” e altra roba a casaccio; preferibilmente in chiara contrapposizione con ciò che si è affermato due secondi prima.

Ovviamente tutte amano gli animali, la propria famiglia, non si vedono belle, adorano viaggiare e pensano che la vera recitazione sia quella teatrale.

E gli scherzi. Amano gli scherzi. E anche viaggiare.

L’angosciante epiteto riesce addirittura a riportare alla mente uno dei programmi sociologicamente più interessanti degli ultimi cinquant’anni.

Un programma che aveva il pregio di far sentire geniale qualunque idiota lo guardasse data l’infima qualità intellettiva dei partecipanti: “The Club” trasmesso dal canale All Music.

Uno zoo, un concentrato di demenza nel quale le persone si descrivevano utilizzando un massimo di trenta parole complessive a puntata: simpatico, solare, pazzo etc…

Le persone si definiscono nell’eliaco modo anche durante i colloqui di lavoro (fosse per me rimarrebbero disoccupati a vita).

Oppure lo usano per nobilitare il ricordo di qualcuno recentemente scomparso: “era una bella persona, così solare”.

Terrificante.

Altri articoli

NT-K: Apple perde una causa in Spagna

NT-K: il farsi causa reciprocamente è divenuta consuetudine tra le case produttrici di smartphone...

Copertura Vodafone

Parliamo di copertura Vodafone. Alcuni giorni prima di Natale a Firenze ci sono state...

Come NON fare pubblicità: telefonino.net

Obbiettivamente vi pare che telefonino.net, una testata specializzata in telefonia possa ridursi così? Praticamente illeggibile,...

Pinocchio 2020 e Conad!

Dal 30 Giugno è in vendita (presso 330 supermercati Conad che hanno aderito in...

Volunia, il motore di ricerca tutto italiano

Oggi vogliamo proporvi due video molto interessanti su Volunia, il nuovo motore di ricerca...

Oracle vs. Google: verdetto finale

  Dopo aver intentato causa a Google per violazione di numerosi brevetti, Oracle adesso corre...
spot_img

Lamberto Salucco

(Firenze, 1972) – Sono un consulente informatico (ma laureato in Lettere Moderne), mi occupo di marketing (ma solo digitale), social media (ma non tutti), editoria (ma non cartacea), musica (ma detesto il reggae), formazione (ma non scolastica), fake news (ma non sono un giornalista), programmazione (ma solo Python), siti web (ma solo con CMS), sviluppo app (ma solo iOS e Android), bias cognitivi (ma non sono uno psicologo), intelligence informatica (ma solo OSINT), grafica 3D (ma niente CAD), grafica 2D (ma niente Illustrator), Office Automation (ma non mi piace Access).
 

Articolo precedente
Articolo successivo

Forse ti potrebbe interessare anche: